VERZE CZ
CZ VERSION










       
Restauri ad alte prestazioni energetiche e riduzione dei consumi di energia



auto











INTERVENTI SPECIALI

Materiali compositi

AhRCOS® risulta essere ad oggi una delle più qualificate aziende italiane per il consolidamento ed il miglioramento e/o adeguamento sismico e normativo mediante l’utilizzo di FRP, di molteplici tecnologie per il consolidamento di solai e murature, per l’iniezione di solfato-resistenti in pareti e murature a sacco, ed ogni opera generale o altamente specifica di restauro conservativo.

L’utilizzo di tecnologie derivanti dai settori dell’ingegneria aeronautica e meccanica consentono di intervenire su un bene culturale con criteri del tutto rispettosi delle caratteristiche del bene stesso; infatti queste tecnologie si basano sulla duttilità e resistenza dei materiali impiegati, sulla loro leggerezza, non invasività e soprattutto sulla loro rimovibilità futura.
AhRCOS® vanta il consolidamento, l’adeguamento e/o miglioramento sismico di numerosi fabbricati quali:

  • Villaggio del Fanciullo (BO);
  • Lottizzazione via Dante Alighieri (AQ),
  • Condomini Tomè e Vittorini 3 (AQ),
  • Palazzo Via Cacchi (AQ),
  • Villa Cicchetti (AQ),
  • Condominio “Carlo Pellegrini” (AQ),
  • Palazzo Vittorini (AQ),
  • Chiesa di San martino in Casola (BO)
  • Sottopasso Funivia Borgomaggiore (RSM) e tanti altri.

FIBRE DI CARBONIO, FIBRE DI VETRO E TESSUTI IN ACCIAIO

La maggior parte delle applicazioni in campo strutturale è eseguita utilizzando C-FRP (fibre di carbonio), viste le loro eleate proprietà meccaniche a breve e lungo termine. Le fibre di carbonio rappresentano il materiale meno intaccabile da agenti ambientali. Dalle prove effettuate è emerso che il consolidamento discontinuo e puntuale con FRP non altera la traspirabilità del sistema e risulta di notevole economicità. Inoltre, esso permette di intervenire in maniera puntuale e mirata, salvaguardando il più possibile il valore artistico. Gli elementi in FRP, infatti, hanno una altissima adattabilità alla forma, garantiscono ottime prestazioni meccaniche, sono contenuti in spessori esigui e non aumentano in modo sostanziale i carichi per le strutture di sostegno. L’utilizzo ad esempio in maniera puntuale di fibre di carbonio incollate con adesivo tixotropico è inoltre estremamente compatibile con le tecnologie e i materiali utilizzati nell’edilizia storica.

Sistema di ancoraggio puntuale a connettori.
antiespulsivi in fibra di carbonio o basalto

Esecuzione di perfori di idoneo diametro, con qualsiasi giacitura, eseguiti con trapani a rotazione o con sonda a rotazione con corona al Widiam raffreddata ad aria. Profonda pulizia degli stessi con aria in pressione al fine di rimuovere tutti i detriti presenti ed ottenere superfici interne ai fori sane e pulite per un perfetto aggrappo della resina. Inghisaggio e applicazione di idonee chiodature ottenute tagliando e sfrangiando i tessuti con elevata resistenza meccanica e superiore adesione al supporto, con lunghezza idonea secondo gli spessori degli elementi murari.

Inghisaggio e applicazione di idonee chiodature passanti in barre di fibra di carbonio o basalto tipo “AhRCOS® FC Grip 10”, con resistenza meccanica a trazione 4830 MPa , modulo elastico 243GPa, deformazione ultima 2,0 % , con elevata resistenza a trazione, superiore adesione al supporto con tessuto Tenax Fiber GMbH Wuppertal Germany o Grafil PyrofilTMSacramento U.S.A., diametro mm. 100, con lunghezza idonea secondo gli spessori degli elementi murari; successivo incollaggio degli stessi e risvolto dopo apertura di porzioni degli stessi, sfrangiatura della fibra a debordare sulla superficie esterna tale a solidarizzare con la stessa e con i successivi tessuti, eseguito con colaggio ed impregnazione di resine epossidiche pure tipo “AhRCOS® FLK -IM” fluida a due componenti, prive di cariche e solventi con caratteristiche di elevata reattività, ottima bagnabilità nei confronti di supporti cementizi, lapidei, laterizi e metallici ferrosi, ottima adesione su calcestruzzo, acciaio, legno e muratura in genere.
Alla luce delle ultime ricerche effettuate nel campo del rinforzo strutturale con materiali compositi è possibile affermare che le fibre di vetro rappresentano il giusto compromesso tra affidabilità, durabilità ed economicità. Sono fibre comunemente usate in campo navale ed industriale per la fabbricazione di compositi con prestazioni medio-alte, si caratterizzano per la loro elevata resistenza.
Il vetro è composto principalmente da silice, sono aggiunti in varie proporzioni ossidi di alluminio ed altri ioni metallici, per facilitare le operazioni di lavorazione o per modificare alcune proprietà : ad esempio le fibre di vetro S rispetto alle E esibiscono una resistenza a trazione più elevata (CNR-DT 200/2004). Le fibre di vetro possiedono alcune specificità che possono non essere adeguate per tutti gli utilizzi in campo strutturale, per questo è importante caratterizzare le principali proprietà meccaniche a breve e a lungo termine.

Betoncino strutturale con rete bidirezionale in vetro e matrice a base calce

L’esecuzione di betoncino strutturale mediante applicazione sulla superficie di intervento prevede un primo strato di malta pronta all’uso e specifica per realizzare interventi di consolidamento di strutture murarie, tipo “Tectoria M15” caratterizzata da elevate resistenze meccaniche e compatibile con strutture storiche in quanto utilizza materiali naturali tradizionalmente usati nell’edilizia storica, con basso tenore di Sali solubili ed è conforme ai requisiti della Comunità Europea richiesti alle malte per muratura (UNI EN 998-2 tipo M15), esente da cemento, e composta da calce idraulica naturale NHL (UNI EN 459), ottenuta per cottura di marne e calcari a bassa temperatura. Pista larghezza cm. 15.

Successivamente alla stesura della precedente mano e prima della presa della stessa verrà posata la rete di
armatura in fibra di vetro di tipo strutturale bidirezionale ad alta resistenza e antialcalina A/R, a maglia 6x6 cm e di peso non inferiore a 298 gr./mq, curando di annegarla totalmente nello strato di base, mediante una ulteriore passata con spatola americana. La rete andrà disposta in verticale con un sormonto di 5 cm in corrispondenza delle giunzioni. I rinforzi necessari andranno ottenuti mediante raddoppio della rete, compreso ogni onere derivante da spigolature, tagli, adattamenti, sfrido e sovrapposizioni. La rete garantirà le caratteristiche minime di Resistenza a trazione trama 64 N/mm e ordito 88 N/mm con allungamento a rottura del 3,50%. Segue l’applicazione di un’ulteriore mano di malta ad alta resistenza a ritiro controllato ed elevate caratteristiche meccaniche a base di calce e reattività pozzolanica ad elevata duttilità per uno spessore medio di 20 mm dato a mano, consumo 1,8 kg/mq (per mmdi spessore).
Si passa poi all’esecuzione di diatoni di collegamento mediante applicazione di connettori in fibra di vetro previa esecuzione di perfori di idoneo diametro, con qualsiasi giacitura, eseguiti con trapani a rotazione o con sonda a rotazione con corona al Widiam raffreddata ad aria. Profonda pulizia degli stessi con aria in pressione al fine di rimuovere tutti i detriti presenti ed ottenere superfici interne ai fori sane e pulite per un perfetto aggrappo della resina. Inghisaggio e applicazione di idonee chiodature ottenute tagliando e sfrangiando i tessuti con elevata resistenza meccanica e superiore adesione al supporto, con lunghezza idonea secondo gli spessori degli elementi murari.
Inghisaggio e applicazione di idonee chiodature passanti in barre di fibra di carbonio o basalto tipo “AhRCOS® GC Grip 10”, con lunghezza idonea secondo gli spessori degli elementi murari; successivo incollaggio degli stessi e risvolto dopo apertura di porzioni degli stessi, sfrangiatura della fibra a debordare sulla superficie esterna tale a solidarizzare con la stessa e con i successivi tessuti, eseguito con colaggio ed impregnazione di resine epossidiche pure tipo “AhRCOS® FLK -IM” fluida a due componenti, prive di cariche e solventi con caratteristiche di elevata reattività, ottima bagnabilità nei confronti di supporti cementizi, lapidei, laterizi e metallici ferrosi, ottima adesione su calcestruzzo, acciaio, legno e muratura in genere.
Negli ultimi anni si sono fatte avanti altre tipologie di fibre, che impiegano fibre di acciai trafilati con prestazioni particolarmente elevate in termini di resistenza.
Poiché si usa l’acciaio, il comportamento del composito è più duttile soprattutto quando applicato a superfici di elementi in zona sismica, cosa non possibile per gli FRP “classici” a causa del comportamento lineare fino a rottura. Solitamente si presentano due tipologie di compositi con fibre metalliche di acciaio ad alta resistenza: gli SRG e gli SRP, entrambi in forma di tessuti composti da trefoli di acciaio, i primi immersi in una matrice polimerica e i secondi in una matrice cementizia. Il contemporaneo utilizzo di resine più o meno viscose e fili di acciaio con diametri molto ridotti produce un composito più economico, duttile e più lavorabile.

Cordolature di sommità miste con acciaio al carbonio

Cordolo di sommità in spessore mediante la realizzazione di muratura armata con innovativo sistema SRG (Steel Reinforced Grout) intercalata in strati sottili da rinforzo in acciaio al carbonio ad alta resistenza a base di tessuti metallici, che prevede le seguenti fasi di intervento:

• Regolarizzazione della muratura sottostante al fine di creare un supporto pulito e lineare, successiva primerizzazione del supporto mediante applicazione di resine epossidiche bicomponenti a bassa viscosità, appositamente formulate per il consolidamento di superfici porose o friabili e la primerizzazione dei supporti in c.a., muratura, legno, acciaio, prima dell’ applicazione degli adesivi e malte epossidiche, con caratteristiche di elevata penetrazione.
• Applicazione sulla superficie di intervento di un primo strato di matrice inorganica a base di miscela pronta fortemente adesiva tipo “Kimisteel LM” a base di leganti idraulici a base calce con aggiunta di pozzolana miscelata con speciali additivi tipo “Kimitech B2” al 30% in peso per garantirne le caratteristiche, quale matrice di sistemi di rinforzo SRG da applicare a strutture murarie in cui sia prioritario garantire il mantenimento della massima traspirabilità del supporto, con grande lavorabilità e duttilità, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità.

• Posa su fresco di nastri in fibra di acciaio unidirezionali, tipo “KIMISTEEL 1500” in filamenti di acciaio al carbonio ad alta resistenza da 1500 g/m². per realizzare consolidamenti strutturali di elementi in muratura, con grande lavorabilità e duttilità, possibilità di pretensionamento per interventi di cordolatura o di fasciatura, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità con caratteristiche di spessore nominale del nastro (solo acciaio) 0.19 mm tensione di rottura a trazione del filato 2950 MPa,resistenza unitaria 570 N/mm, modulo elastico a trazione 260 GPa, allungamento a trazione 2.3 % secondo progetto, con caratteristiche di carico di rottura a trazione e di modulo elastico idonei al tipo di lavoro del rinforzo in opera.
• Ulteriore passaggio di miscela, fino a completo affogamento del rinforzo precedentemente posato. Realizzazione di ulteriore mano di muratura in elementi di laterizio e malta al fine di impacchettare il rinforzo. Operazione da eseguirsi in fasi e passaggi multipli per 2 o 3 file di mattoni.

I cordoli in laterizio lamellare armato con tessuti in acciaio così ottenuti:
• impiegano materiali chimicamente e fisicamente compatibili con quelli esistenti (laterizio o pietre);
• non introducono ponti termici (cose che, al contrario, accade nel caso di cordoli in c.a.);
• non soffrono dei problemi di scorrimento in corrispondenza della superficie di contatto muratura-cordolo tipici dei sistemi tradizionali.

Il tessuto in acciaio, grazie alla sua perfetta adesione, riesce a garantire alla sezione composita muratura/rinforzo grande resistenza flessionale. In sintesi questa tipologia di cordolo trasforma gli elementi in muratura, per loro natura privi di resistenza a trazione, in una sorta di “travi” caratterizzate da deformabilità e comportamenti chimico-fisici perfettamente compatibili con le murature.

Il cordolo così realizzato presenta una ottima deformabilità verticale; consente di accompagnare con dolcezza i movimenti dei setti sottostanti; distribuisce efficacemente i carichi evitando “l’effetto trave”proprio dei cordoli in c.a., che, stante la loro rigidezza, tendono a concentrare le sollecitazioni in corrispondenza dei punti di appoggio e non in modo distribuito.

Il vantaggi di questo tipo di cordonatura sono vari, quali:
• Variazione dei pesi trascurabile e traspirabilità della superficie praticamente immutata;
• In linea con il principio del minimo intervento e assoluta non invasività delle operazioni
• Minor costo
• Maggior facilità di applicazione e velocità di realizzazione
• Minor impatto di cantiere per la movimentazione di minor quantità di materiale.

Rinforzo localizzato con la tecnica del repointing armato

Rinforzo dei paramenti murari mediante la tecnica del giunto orizzontale armato (REPOINTING), con esecuzione, mediante scarificatrice, di giunto di larghezza 10 mm e comunque non superiore alla fuga di malta ed alloggiato nella stessa al fine di lasciare le eventuali caratteristiche di “faccia a vista” e profondità 40 mm. Viene eseguita una profonda pulizia degli stessi con aria in pressione al fine di rimuovere tutti i detriti presenti ed ottenere superfici interne ai fori sane e pulite per un perfetto aggrappo della resina. Applicazione a spatola di adesivo tixotropico in resine a base epossidica a due componenti esente da solventi, formulato quale adesivo bicomponente strutturale.

Fornitura e messa in opera di una barretta in fibra di carbonio o basalto, di forma circolare ad aderenza migliorata in fase di poltrusione tipo “AhRCOS®BXGrip 4 Spiralex”, con resistenza meccanica a trazione 3400 MPa , modulo elastico 170 GPa Deformazione ultima 2,0 % , con elevata resistenza a trazione, superiore adesione al supporto con tessuto Tenax Fiber GMbH Wuppertal Germany o GrafilPyrofilTMSacramento U.S.A., diametro mm. 100 e caratteristiche di carico di rottura a trazione > 4800 MPa , modulo elastico a trazione > 230 GPa. Successiva stuccatura finale del corso di malta utilizzando malta di calce analoga all’esistente. Barra in carbonio o basalto diam.4 con speciale nervatura “AhRCOS® Spiralex” in intaglio 10x40 mm. Si stima circa 1 barra da 1,00 ml. ogni 4 corsi di malta.

Placcaggio delle murature con sgr e matrice a base calce

Placcaggio delle murature con fibre in acciaio al carbonio mediante realizzazione di sistema di rinforzo in SGR classificato, a seguito delle sperimentazioni, APPLICAZIONE TIPO A cosi come definito dalle linee guida CNR D.T. 200/2004, mediante cui è possibile incrementare la capacita resistente di pareti in muratura anche mista, utilizzato a scopi progettuali, secondo le seguenti fasi di intervento.


Villa Manzoni, RSM

Applicazione sulla superficie di intervento di un primo strato di matrice inorganica a base di miscela pronta fortemente adesiva tipo “Kimisteel LM” a base di leganti idraulici a base calce con aggiunta di pozzolana miscelata con speciali additivi tipo “Kimitech B2” al 30% in peso per garantirne le caratteristiche, quale matrice di sistemi di rinforzo SRG da applicare a strutture murarie in cui sia prioritario garantire il mantenimento della massima traspirabilità del supporto, con grande lavorabilità e duttilità, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità.

Posa su fresco di nastri in fibra di acciaio unidirezionali, tipo “Kimisteel 1500” in filamenti di acciaio al carbonio ad alta resistenza da 1500 g/m2 per realizzare consolidamenti strutturali di elementi in muratura, con grande lavorabilità e duttilità, possibilità di pretensionamento per interventi di cordolatura o di fasciatura, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità con caratteristiche di spessore nominale del nastro (solo acciaio) 0.19 mm tensione di rottura a trazione del filato 2950 MPa, resistenza unitaria 570 N/mm, modulo elastico a trazione 260 GPa, allungamento a trazione 2.3 % secondo progetto, con caratteristiche di carico di rottura a trazione e di modulo elastico idonei al tipo di lavoro del rinforzo in opera. Ulteriore passaggio di miscela pronta fortemente adesiva tipo “Kimisteel LM” a base di leganti idraulici con aggiunta di pozzolana miscelata con speciali addittivi tipo “Kimitech B2” al 30% in peso per garantirne le caratteristiche, quale matrice di sistemi di rinforzo SRG da applicare a strutture murarie in cui sia prioritario garantire il mantenimento della massima traspirabilità del supporto, con grande lavorabilità e duttilità, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità, in grado di garantire un elevata adesione al supporto, permette la posa in modo ottimale eliminando la formazione di pericolose bolle d’aria, fino a completo affogamento del rinforzo precedentemente posato.

Consolidamento di strutture con rinforzi in fibra di carbonio

Realizzazione di sistema di rinforzo in CFRP classificato, a seguito delle sperimentazioni, APPLICAZIONE TIPO A cosi come definito dalle linee guida CNR D.T. 200/2004, mediante cui è possibile incrementare la capacita resistente di pannelli murari e muratura, anche mista, utilizzato a scopi progettuali, secondo le seguenti fasi di intervento.
Applicazione a pennello o spatola di adesivo tixotropico in resine a base epossidica, formulato quale adesivo bicomponente strutturale per il placcaggio di rinforzi in tessuti di carbonio, vetro, aramidico e similari, tipo “AhRCOS® FLK” con caratteristiche di elevata reattività, ottima bagnabilità nei confronti di supporti cementizi, lapidei, laterizi e metallici ferrosi, ottima adesione, e con caratteristiche di carico unitario di rottura per compressione > 50 MPa, carico unitario di rottura a flessione > 32 MPa, modulo elastico a compressione > 5.0 GPa, adesione su cls - per strappo ( cls classe 500 ) > 3 MPa. Posa su fresco di nastri in fibre di carbonio unidirezionali termotessute tipo “AhRCOS® UNIC CUT 400/20”, con tessuto Tenax Fiber GMbH Wuppertal Germany o Grafil PyrofilTM Sacramento U.S.A. , con grammature di 400 g/mq larghezza mm 200 e caratteristiche di carico di rottura a trazione > 4900 MPa , modulo elastico a trazione > 240 GPa, allungamento a rottura = 2%, spessore utile per il calcolo 0,222 mm.

Ulteriore passaggio a rullo metallico onde favorire l’apertura delle fibre e la conseguente impregnazione delle stesse, successiva imbibitura dei tessuti sino a saturazione, mediante ulteriore applicazione a rullo o pennello di resine a base epossidica, formulato quale adesivo promotore di adesione, bicomponente, privo di cariche e di pigmenti tipo “AhRCOS® FLK - IM” fluida a due componenti a bassa viscosità con elevata adesione strutturale a calcestruzzo, acciaio, legno, materiale lapideo, privo di solventi e non presentante ritiri all’atto dell’indurimento, che avviene per reazione chimica dei due componenti, estremamente bagnante, ideale per impregnare tessuti e nastri di alta grammatura, comprensivo di applicazione di inerte di quarzo depolverato a granulometria costante tale a rendere grezzo il fondo ed atto ad ospitare il successivo strato di intonaco se necessario.

Sistema di ancoraggio su pareti d’angolo e murature di spina

Esecuzione di perfori di idoneo diametro, con qualsiasi giacitura, eseguiti con trapani a rotazione o con sonda a rotazione con corona al Widiam raffreddata ad aria, per una lunghezza max di cm 120,00. Profonda pulizia degli stessi con aria in pressione al fine di rimuovere tutti i detriti presenti e ottenere superfici pulite e depolverate. Cuciture mediante inserimento e inghisaggio nei fori precedentemente eseguiti di barre in acciaio inox o barre in acciaio FeB44K zincate ad aderenza migliorata di idonea lunghezza e diametro mm 18, secondo i dettagli costruttivi.

Posa in opera di iniettori e colaggio di miscele da iniezione costituite da boiacca idraulica espansiva tipo “Betonfix 200” ad alta resistenza non contenente cloruri, né particelle ferrose, né agenti aggressivi che possano provocare il degrado delle armature e delle attrezzature metalliche, in grado di raggiungere elevate resistenze meccaniche sia alle brevi che alle lunghe stagionature, con notevole fluidità, in grado di penetrare facilmente in spazi anche molto piccoli, con elevato potere adesivo sia al calcestruzzo che al ferro, conforme alla normativa UNI 8147, utilizzabile per il riempimento rigido di giunti strutturali, per l’iniezione in guaine di contenimento cavi post-tesi, per il bloccaggio di tiranti e di armature metalliche (sia in muratura che in roccia), per ancoraggi, per la rigenerazione ed il consolidamento di murature miste soggette a schiacciamento.
Taglio delle barre previa inserimento totale in modo da mantenere le stesse 10 mm interne alla muratura, chiusura di tutte le fosrometrie precedentemente realizzate a nascondere le barre mediante applicazione sui paramenti murari sino a completa ricostruzione a profilo originale degli stessi di malte analoghe alle esistenti.

Realizzazione di “catene” in tiranti srg di fibra di acciaio al carbonio e sfiocchi in acciaio con diffusione degli sforzi

Esecuzione di perfori di idoneo diametro, con qualsiasi giacitura, eseguiti con trapani a rotazione o con sonda a rotazione con corona al Widiam raffreddata ad aria, passanti da un lato all’ altro della muratura. Profonda pulizia degli stessi con aria in pressione al fine di rimuovere tutti i detriti presenti ed ottenere superfici interne ai fori sane e pulite per un perfetto aggrappo della resina. Primerizzazione del supporto mediante applicazione di resine epossidiche bicomponenti a bassa viscosità, appositamente formulate per il consolidamento di superfici porose o friabili e la primerizzazione dei supporti in c.a., muratura, legno, acciaio, prima dell’applicazione degli adesivi e malte epossidiche, con caratteristiche di elevata penetrazione. Applicazione sulla superficie di intervento di un primo strato di matrice inorganica a base di miscela pronta fortemente adesiva tipo “Kimisteel LM” a base di leganti idraulici a base calce con aggiunta di pozzolana miscelata con speciali additivi tipo “Kimitech B2” al 30% in peso per garantirne le caratteristiche, quale matrice di sistemi di rinforzo SRG da applicare a strutture murarie in cui sia prioritario garantire il mantenimento della massima traspirabilità del supporto, con grande lavorabilità e duttilità, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità. Posa su fresco di nastri in fibra di acciaio unidirezionali, tipo “Kimisteel 1500” in filamenti di acciaio al carbonio ad alta resistenza da 1500 g/m2 per realizzare consolidamenti strutturali di elementi in muratura, con grande lavorabilità e duttilità, possibilità di pretensionamento per interventi di cordolatura o di fasciatura, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità con caratteristiche di spessore nominale del nastro (solo acciaio) 0.19 mm tensione di rottura a trazione del filato 2950 MPa, resistenza unitaria 570 N/mm, modulo elastico a trazione 260 GPa, allungamento a trazione 2.3 % secondo progetto, con caratteristiche di carico di rottura a trazione e di modulo elastico idonei al tipo di lavoro del rinforzo in opera. Ulteriore passaggio di miscela pronta fortemente adesiva tipo “Kimisteel LM” a base di leganti idraulici con aggiunta di pozzolana miscelata con speciali addittivi tipo “Kimitech B2” al 30% in peso per garantirne le caratteristiche, quale matrice di sistemi di rinforzo SRG da applicare a strutture murarie in cui sia prioritario garantire il mantenimento della massima traspirabilità del supporto, con grande lavorabilità e duttilità, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità, in grado di garantire un elevata adesione al supporto, permette la posa in modo ottimale eliminando la formazione di pericolose bolle d’aria, fino a completo affogamento del rinforzo precedentemente posato.
Passaggio del tessuto all’interno delle fonometrie precedentemente realizzate sino a debordare all’ esterno e risvolto sulla muratura esterna a creare degli sfiocchi, inghisaggio delle zone passanti con resine epossidiche bi-componenti ad alta resistenza, con lunghezza idonea secondo gli spessori degli elementi murari; successivo incollaggio degli stessi e risvolto dopo apertura di porzioni degli stessi, sfrangiatura della fibra a debordare sulla superficie esterna tale a solidarizzare con la muratura stessa e con i successivi tessuti, eseguito con colaggio ed impregnazione di resine epossidiche tipo “AhRCOS® FLK - IM” fluida a due componenti con caratteristiche di elevata reattività, ottima bagnabilità nei confronti di supporti cementizi, lapidei, laterizi e metallici ferrosi, ottima adesione su calcestruzzo, acciaio, legno e muratura in genere. Valutazione compreso ancoraggi e relativi fori, quotazione valida anche per lavori in carotaggio o fresatura sezionale in fuga .

Rinforzo mediante rasatura armata con rete bidirezionale in vetro

Rasatura armata per recupero di parti interessate da lesioni mediante Applicazione di mano di fondo riempitiva con legante organico consumo 0,30 kg/mq; applicazione di malta di armatura organica speciale addittivata a base di inerti ad alta resistenza, inerti selezionati, additivi speciali e polimeri con fibre sintetiche tipo “ AhRCOS® BR 02 HRR” con caratteristiche di ottima adesione e resistenza, buone caratteristiche meccaniche ed elevata fluidità.

Successivamente alla stesura della precedente mano e prima della presa della stessa verrà posata la rete di armatura in fibra di vetro di tipo strutturale bidirezionale ad alta resistenza e antialcalina A/R, a maglia 6x6 cm. e di peso non inferiore a 298 gr./mq. curando di annegarla totalmente nello strato di base, mediante una ulteriore passata con spatola americana. La rete andrà disposta in verticale con un sormonto di 5 cm in corrispondenza delle giunzioni. I rinforzi necessari andranno ottenuti mediante raddoppio della rete, compreso ogni onere derivante da spigolature, tagli, adattamenti, sfrido e sovrapposizioni. La rete garantirà le caratteristiche minime di resistenza a trazione trama 64 N/mm e ordito 88 N/mm con allungamento a rottura del 3,50%. Applicazione di ulteriore mano di malta ad alta resistenza a ritiro controllato ed elevate caratteristiche meccaniche a base di calce e reattività pozzolanica ad elevata duttilità FRG per uno spessore medio di 2÷3 mm dato a mano.

Consolidamento murario con sistema reticulatus tipo A

Scarnitura delle fughe fra il paramento murario, eseguito manualmente o con sgorbia meccanica con accuratezza al fine di non ledere la trama muraria soprattutto nel caso di murature a vista, spazzolatura dei giunti e depolvera tura degli stessi e pulizia generale. Successiva primerizzazione del supporto, solo se necessario, al fine di consolidare superfici porose e friabili, mediante applicazione di resine epossidiche bicomponenti all’acqua a bassa viscosità con caratteristiche di elevata penetrazione. Creazione di allettamenti su strutture murarie, mediante applicazione di maltina a calce tipo “Kimisteel LM” a base di leganti idraulici a base calce con aggiunta di pozzolana miscelata con speciali additivi tipo “Kimitech B2” al 30% in peso per garantirne le caratteristiche, quale matrice di sistemi di rinforzo SRG da applicare a strutture murarie in cui sia prioritario garantire il mantenimento della massima traspirabilità del supporto, con grande lavorabilità e duttilità, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità.

Posa su fresco intercalando nei corsi di muratura di 3 o 6 filamenti di nastri in fibra di acciaio unidirezionali, tipo “Kimisteel 1500” in filamenti di acciaio al carbonio ad alta resistenza da 1500 g/m2 per realizzare consolidamenti strutturali di elementi in muratura, con caratteristiche di spessore nominale del nastro (solo acciaio) 0.19 mm tensione di rottura a trazione del filato 2950 MPa, resistenza unitaria 570 N/mm, modulo elastico a trazione 260 GPa, allungamento a trazione 2.3 %. Il tessuto sarà posato su entrambi paramenti del setto, per una quantità pari a circa 5 ml per mq. Esecuzione di perfori, con qualsiasi giacitura, eseguiti con le necessarie cautele per evitare danni a costruzioni prossime o contigue, da compensare in base al diametro ed alla lunghezza della perforazione eseguita.

I perfori saranno eseguiti per tutta la profondità del paramento, per l’alloggiamento delle barre di connessione. Si considera un’esecuzione di 5 perfori per mq di superficie, per una profondità media di 90 cm, per un diametro di 16 mm (la superficie di riferimento è conteggiata alla metà perché il foro va da un paramento a quello opposto). Successiva fornitura e posa in opera di barra filettata in acciaio zincato di mm 8, lunghezza massima 1,2 m, completa di dado e rondella. Compreso l’eventuale onere per la pulizia del foro, il taglio della barra e quanto altro occorre per dare l’opera finita. Si considera un numero di 5 barre al mq (la superficie di riferimento è conteggiata alla metà perché il foro va da un paramento a quello opposto). Fornitura e posa in opera di rostro metallico per l’ancoraggio del trefolo alla barra filettata, su entrambe le estremità della barra. Ulteriore passaggio di miscela e ripristino di stuccatura dei giunti delle murature caotiche o incoerenti, eseguito con idonea malta rispondente, se del caso, alle caratteristiche di quella originale dopo accurata caratterizzazione della malta originale. Eventuale ulteriore e successivo rinzaffo e ripassatura finale con straccio umido per asportare l’eccesso di malta e rimettere in vista i materiali laterizi e lapidei, il tutto secondo le indicazioni della D.L.

Consolidamento murario con sistema reticulatus tipo B

Primerizzazione del supporto mediante applicazione di resine epossidiche bicomponenti a bassa viscosità tipo “Kimitech primer”, appositamente formulate per il consolidamento di superfici porose o friabili e la primerizzazione dei supporti in c.a., muratura, legno, acciaio, prima dell’ applicazione degli adesivi e malte epossidiche, con caratteristiche di elevata penetrazione. Creazione di piste di incollaggio con malta per murature pronta all’uso e specifica per realizzare interventi di consolidamento di strutture murarie, tipo “Tectoria M15” caratterizzata da elevate resistenze meccaniche e compatibile con strutture storiche in quanto utilizza materiali naturali tradizionalmente usati nell’edilizia storica, con basso tenore di sali solubili ed è conforme ai requisiti della Comunità Europea richiesti alle malte per muratura (UNI EN 998-2 tipo M15), esente da cemento, e composta da calce idraulica naturale NHL (UNI EN 459), ottenuta per cottura di marne e calcari a bassa temperatura. Esecuzione di lettini di malta a maglia regolare di larghezza 10 cm ed interasse (sia verticale che orizzontale) di 50 cm.

Placcaggio delle murature con fibre in acciaio al carbonio mediante realizzazione di sistema di rinforzo in SGR classificato, a seguito delle sperimentazioni, APPLICAZIONE TIPO A cosi come definito dalle linee guida CNR D.T. 200/2004, mediante cui è possibile incrementare la capacita resistente di pareti in muratura anche mista, utilizzato a scopi progettuali, che prevede le seguenti fasi di intervento: Applicazione sulla superficie di intervento di un primo strato di matrice inorganica a base di miscela pronta fortemente adesiva tipo “Kimisteel LM” a base di leganti idraulici a base calce con aggiunta di pozzolana miscelata con speciali additivi tipo “Kimitech B2” al 30% in peso per garantirne le caratteristiche, quale matrice di sistemi di rinforzo SRG da applicare a strutture murarie in cui sia prioritario garantire il mantenimento della massima traspirabilità del supporto, con grande lavorabilità e duttilità, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità. Posa su fresco di nastri in fibra di acciaio unidirezionali, tipo “Kimisteel 1500” in filamenti di acciaio al carbonio ad alta resistenza da 1500 g/m2. per realizzare consolidamenti strutturali di elementi in muratura, con caratteristiche di spessore nominale del nastro (solo acciaio) 0.19 mm tensione di rottura a trazione del filato 2950 MPa, resistenza unitaria 570 N/mm, modulo elastico a trazione 260 GPa, allungamento a trazione 2.3 %. Il tessuto sarà posato su entrambi paramenti del setto, per una quantità pari a circa 5 ml per mq. e sarà applicato in sottostrisce da 6 cm.
Esecuzione di perfori, con qualsiasi giacitura, eseguiti con le necessarie cautele per evitare danni a costruzioni prossime o contigue, da compensare in base al diametro ed alla lunghezza della perforazione eseguita. I perfori saranno eseguiti per tutta la profondità del paramento, per l’alloggiamento delle barre di connessione. Si considera un’esecuzione di 4 perfori per mq di superficie, per una profondità media di 90 cm, per un diametro di 16 mm (la superficie di riferimento è conteggiata alla metà perché il foro va da un paramento a quello opposto). Successiva fornitura e posa in opera di barra filettata in acciaio zincato di mm 8, lunghezza massima 1,2 m, completa di dado e rondella. Compreso l’eventuale onere per la pulizia del foro, il taglio della barra e quanto altro occorre per dare l’opera finita. Si considera un numero di 4 barre al mq (la superficie di riferimento è conteggiata alla metà perché il foro va da un paramento a quello opposto). Fornitura e posa in opera di rostro metallico per l’ancoraggio del trefolo alla barra filettata, su entrambe le estremità della barra.

Consolidamento murario e realizzazione di cerchiatura pretensionata con tessuti in srg per il miglioramento strutturale di muratura mista

Realizzazione di sistema di rinforzo in SGR classificato, a seguito delle sperimentazioni, APPLICAZIONE TIPO A cosi come definito dalle linee guida CNR D.T. 200/2004, mediante cui è possibile incrementare la capacita resistente di pareti in muratura anche mista, utilizzato a scopi progettuali, che prevede le seguenti fasi di intervento: Primerizzazione del supporto mediante applicazione di resine epossidiche bicomponenti a bassa viscosità, appositamente formulate per il consolidamento di superfici porose o friabili e la primerizzazione dei supporti in c.a., muratura, legno, acciaio, prima dell’ applicazione degli adesivi e malte epossidiche, con caratteristiche di elevata penetrazione. Applicazione sulla superficie di intervento di un primo strato di matrice inorganica a base di miscela pronta fortemente adesiva tipo “Kimisteel LM” a base di leganti idraulici a base calce con aggiunta di pozzolana miscelata con speciali additivi tipo “Kimitech B2” al 30% in peso per garantirne le caratteristiche, quale matrice di sistemi di rinforzo SRG da applicare a strutture murarie in cui sia prioritario garantire il mantenimento della massima traspirabilità del supporto, con grande lavorabilità e duttilità, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità. Posa su fresco di nastri in fibra di acciaio unidirezionali, tipo “KIMISTEEL 1500” in filamenti di acciaio al carbonio ad alta resistenza da 1500 g/mq per realizzare consolidamenti strutturali di elementi in muratura, con grande lavorabilità e duttilità, possibilità di pretensionamento per interventi di cordolatura o di fasciatura, elevata permeabilità al vapore, altissima resistenza al fuoco, ottima reversibilità con caratteristiche di spessore nominale del nastro (solo acciaio) 0.19 mm tensione di rottura a trazione del filato 2950 MPa, resistenza unitaria 570 N/mm, modulo elastico a trazione 260 GPa, allungamento a trazione 2.3 % secondo progetto, con caratteristiche di carico di rottura a trazione e di modulo elastico idonei al tipo di lavoro del rinforzo in opera.

Pretensionatura eventuale dei nastri ad anello ad ogni livello eseguito mediante messa in opera di meccanismo tensionatore previa esecuzione di perfori di fissaggio di giusto diametro per l’apposizione di piastre tipo “AhRCOS® S-top” e pretensionatore orizzontale, mediante perforatori a rotazione senza percussione a corona diamantata, compresi tutti gli oneri per la messa in opera delle apparecchiature, il loro utilizzo e consumo, la rimozione degli strumenti ad opera compiuta. Profonda pulizia degli stessi con aria in pressione al fine di rimuovere tutti i detriti presenti ed ottenere superfici interne ai fori sane e pulite per un perfetto aggrappo della resina. Inghisaggio dei fermi all’interno delle fonometrie precedentemente praticate mediante intasamento ancorante chimico bicomponente tixotropico tipo “Kimitech F3” a base di resine poliesteri per una presa rapida e forte tenuta su tutti gli elementi da costruzione. Fornitura e posa in opera di piastre in acciaio tipo “AhRCOS® S-top” di spessore 15 mm, debitamente sagomata e munita delle apposite nervature e profilature di ancoraggio, in gradi di fissare e pretensionare compositi in acciaio e lamine in carbonio senza danneggiare le stesse e senza rischiare lesioni accidentarie agli appoggi, il tutto in opera complete di filettatura all’estremità, anche a vite destra e sinistra, pezzi speciali, tensionatore, bulloneria, compresa la eventuale guaina di protezione dei tiranti stessi, il tensionamento secondo indicazione della D.L., la sigillatura, la riparazione delle parti smosse. Posa in opera di iniettori e colaggio di resine bicomponenti epossidiche fluide appositamente formulate, con elevatissime caratteristiche meccaniche ed ottima adesione strutturale a calcestruzzo, acciaio e muratura ed ogni tipo di malta, con possibilità di variare la reologia del prodotto introducendo aggregati silicei di opportuna granulometria, con perfetta protezione dei ferri e resistenza a qualsiasi atmosfera per il consolidamento e solidarizzazione delle zone di ancoraggio.
Ulteriore passaggio di miscela, fino a completo affogamento del rinforzo precedentemente posato. Operazione da eseguirsi in fasi e passaggi multipli. Sono da ritenersi compresi e compensati gli oneri per l’iniezione parzializzata durante tutto il tempo dei lavori.




Architectural Heritage Restoration trough Tailored Engineering

 




Seguici su:


AhRCOS s.r.l.

T. +39.051.72.57.63
V.A.T. (P.IVA) IT 01907030389
info@ahrcos.it

AhRCOS s.r.o.  
T. +420.607.199.072
V.A.T. (IČO) CZ 61498785
info@ahrcos.cz

Sede Legale ITA e sede Amministrativa:
Via T. Secci, 5
40132 - BOLOGNA

Uffici Tecnici e Laboratorio ricerca e sviluppo:
Via Secci, 7
40132 - BOLOGNA

Unità locale, sede operativa di Cento, ufficio produzione, deposito e centro raccolta materiali:
Via Argentina, s.c.
44042 - CENTO, Fe

Unità locale e sede operativa di L’Aquila:
Via L. Da Vinci, s.c.
67100 - L’AQUILA

Unità locale e sede operativa di Pesaro:
Via Castelfidardo, 6
61121 - PESARO, Pu

Sede legale CZ:
Václavské náměstí 776/4 (Piazza San Venceslao 776/4)
110 00 - PRAHA 1 (CZECH REPUBLIC)

Unità commerciale di Praha:
Křižovnícká, 86/6
110 00 - PRAHA 1 (CZECH REPUBLIC)

Unità locale e sede operativa di Praga:
Slezská 2170/111
130 00 Vinohrady - PRAHA 3 (CZECH REPUBLIC)